Tibet: le specialità dell'altopiano sulla strada celeste d'Internet
  2018-01-23 10:55:52  cri

La Cina è ormai una potenza d'e-commerce vera e propria. Il festival dello shopping dell'11 novembre con cadenza annuale è una miniatura del rapido sviluppo dell'e-commerce cinese, e in quel giorno questo carnevale dello shopping non solo copre tutta la Cina, ma si estende anche in oltre 200 paesi del mondo. Benché lo sviluppo dell'e-business cinese sia iniziato più tardi rispetto ai paesi sviluppati, negli ultimi anni gli acquisti online sono diventati ormai parte della stile di vita cinese. Rispetto all'entroterra, nel Tibet l'e-commerce ha cominciato a svilupparsi un po' più tardi. Negli anni passati ha tuttavia registrato un rapido sviluppo, aprendo una corsia veloce per la promozione dello sviluppo economico locale e il miglioramento della vita della popolazione.

Con pochi tocchi si può attivare ovunque e in qualunque momento la modalità "compra compra compra" L'e-commerce è diventato parte indispensabile della vita dei cinesi e la Cina è diventato ormai il paese dai servizi di acquisto online più convenienti. Secondo il "Rapporto semestrale dell'e-commerce cinese" del 2017 pubblicato dall'accademia delle Scienze sociali della Cina, da dicembre 2016 a maggio 2017, nell'arco di sei mesi, il fatturato totale della vendita al dettaglio online ha raggiunto i 3022,9 miliardi yuan, moneta cinese, con un aumento del 35,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

L'e-commerce è divenuto un'importante forza motrice dello sviluppo economico della Cina. Tuttavia, nella regione autonoma del Tibet, lo sviluppo dell'e-business non è stato così rapido come nelle altre province cinesi. Il fondatore e presidente del consiglio della Ayun E-commerce Ltd., del Tibet Wang Jucang è stata una delle prime persone ad attivarsi nel settore dell'e-commerce del Tibet. Ricorda con emozione il periodo iniziale della fondazione della sua società.

"Siamo una società fondata nel 2013 e i primi due anni sono stati veramente molto difficili. In Tibet in particolare la gente non approvava l'e-commerce e le transazioni venivano realizzate maggiormente con contanti, e addirittura in alcune zone agricole e pastorali esiste ancora il modello di transazione dato dallo scambio tra beni materiali. L'e-commerce era per loro semplicemente qualcosa di alieno. Inoltre, in quel tempo in Tibet le condizioni di trasporto e di Internet non erano così mature. "

I venditori della piattaforma d'e-commerce Taobao, un sito del gruppo Alibaba, di solito notificano ai consumatori che i prezzi di vendita non comprendono le spese di spedizione per i clienti di Tibet e Xinjiang. Il Tibet ha un territorio molto vasto e poca popolazione e quindi i costi logistici sono molto alti. Wang Quancang ha affermato che questo costituisce il collo di bottiglia dello sviluppo dell'e-commerce nella regione.

"Lo sviluppo dell'e-commerce è imprescindibile dal supporto logistico. In Tibet i costi logistici sono troppo alti. Abbiamo visitato alcune micro-piccole aziende d'e-commerce e imprese tradizionali che hanno tutte menzionato il problema. Per esempio alcuni dei nostri prodotti costano solo 10 e qualcosa yuan o circa 20 yuan, ma le spese di logistica partono da 26, 28 yuan. "

Nonostante ciò, secondo Wang Jucang i prodotti peculiari tibetani hanno caratteristiche molto particolari e ottima qualità e dovrebbero avere un mercato più ampio. Ha quindi deciso di trasferire il suo business dalla provincia dell'Henan, suo paese natale, al Tibet, entrando in questo mare blu dell'e-commerce.

"I prodotti agricoli e pastorali della regione autonoma del Tibet hanno tre caratteristiche, ossia sono scarsi, unici e non riproducibili. Questo perché molti prodotti crescono in condizioni pessime a un'altitudine superiore a 3500 metri, il che rende i prodotti di fauna e flora e di altre tipologie molto famosi in tutta la Cina. Sono stato ormai in 56 dei 74 distretti del Tibet e ho scoperto che in tutta la regione le specialità locali sono molto buone e anzi uniche in tutto il mondo. Per esempio il miele tibetano presenta valori migliori rispetto a quelli dei miele europei, australiani, e neozelandesi, con gli enzimi attivi che arrivano a un valore massimo di 32. Inoltre qui si producono anche pesce di Yadong e carne di yak."

Nell'arco di 2 anni, Wang Jucang e il suo team hanno misurato il Tibet con i loro passi per ricercare i prodotti e creare marchi, allargando gradualmente la rete dei punti d'e-commerce. Nel 2015 lo sviluppo dell'e-commerce tibetano ha accolto un'opportunità. Durante una conferenza stampa tenuta durante le due sessioni del 2015, il premier cinese Li Keqiang ha espresso la propria disponibilità di far pubblicità per le nuove industrie, tra cui l'e-commerce, e poi durante una riunione permanente del Consiglio di Stato ha avanzato di "stabilire misure a favore dell'accelerazione dello sviluppo dell'e-commerce e formare nuove forze motrici economiche." Grazie a queste condizioni favorevoli, lo stesso anno l'Assessorato del Commercio della regione autonoma del Tibet ha costituito la piattaforma d'e-commerce "Prodotti tibetani verso il mondo" e nel 2016 ha costruito il Parco industriale dell'e-commerce della regione. Nel giugno 2015 Ayun E-commerce Ltd., è diventata l'operatore assegnato della piattaforma nella quale finora sono stati venduti prodotti dal valore di più di 20 milioni di Yuan.

"La piattaforma 'prodotti tibetani verso il mondo' integra circa 200 impese di tutta la regione e più di 1000 tipi di prodotti, per i quali verrà costruito un magazzino urbano. Nel settore della logistica cooperiamo con Shunfeng, che ha ceduto parte dei profitti per rispondere all'appello del governo centrale di realizzare l'obiettivo di emancipazione dalla povertà. Approfitteremo anche appieno dei trasporti ferroviario, urbano e rurale, in modo da ridurre i costi della spedizione ai villaggi. "

Oltre alla costituzione della piattaforma, il governo della regione autonoma ha elaborato una serie di politiche e misure relative allo sviluppo dell'e-commerce. Nel 2016 in Tibet è stata fondata la prima Associazione di e-commerce, commercio e logistica a livello provinciale del Tibet ed é stato creato il Parco industriale dell'e-commerce che combina il commercio reale con l'economia virtuale, integrando le risorse d'e-commerce e sostenendo lo sviluppo dell'e-commerce. Il direttore dell' Associazione di e-commerce, commercio e logistica ha affermato che grazie alla guida delle politiche l'orientamento di sviluppo dell'e-commerce tibetano si è fatto più chiaro.

"Primo, l'effetto di aggregazione delle imprese sta diventando sempre più evidente. La cooperazione tra le imprese, incluse la nostra guida, sostegno e precisazione delle politiche alle aziende sono migliorate. La nostra associazione conosce meglio la situazione delle imprese e quindi riesce a scoprire le loro esigenze e riferire i problemi all'Assessorato del Commercio, per ottenere il suo supporto. Secondo, organizziamo periodicamente training nel settore dell'e-commerce. Terzo, abbiamo i nostri esperti e consulenti dell'e-commerce a cui possono rivolgersi le imprese quando incontrano dei problemi. Quarto, la nostra associazione, in veste di amministratore e fornitore di servizi del parco industriale, provvede gratuitamente servizi di registrazione, localizzazione e assunzione degli impiegati. Inoltre, ogni anno organizziamo anche alcune grandi conferenze di scambio, invitando i rappresentanti delle imprese d'e-commerce a parteciparvi."

Oltre alla guida di politiche e ai servizi dell'associazione, lo sviluppo dell'e-commerce tibetano necessita ancora di risolvere la questione dei marchi. Il supervisore dell'operazione della piattaforma dell'Ayun E-commerce Fang Qihao ha affermato che i migliori prodotti tibetani sono quelli agro-alimentari, tonici e artigianali che però trovano difficoltà a raggiungere una certa dimensione a causa della dispersione dei luoghi d'origine e della bassa produzione. In questo caso, è stato avanzato il piano "un marchio per ogni distretto".

"Programmiamo di registrare in ogni distretto un marchio che risponde agli standard dei canali di e-commerce. Attualmente abbiamo già cooperato con due distretti, creando quindi due marchi, Jinzirong del distretto Cuoqin e Matsutake Zhula del distretto Gongbujiangda. Vendiamo i loro prodotti nell'entroterra cinese tramite canali di e-commerce, con un fatturato di gran lunga superiore a quello dei canali tradizionali."

L'e-commerce sta diventando gradualmente un importante canale che aiuta i contadini e pastori tibetani a liberarsi dalla povertà e aumentare gli introiti. La 21enne Pubudeji è la prima insegnante d'e-commerce d'etnia tibetana della Cina e va spesso nei sobborghi per divulgare le nozioni dell'e-commerce, aiutando la gente a risolvere i problemi operativi concreti.

"Sono stata a Linzhi per formare i pastori locali, aiutando loro a aprire negozi Taobao e WeChat. Lì sono tante le specialità però i locali non sanno come venderle. Vado quindi lì per aiutarli. L'e-commerce ha veramente apportato molti vantaggi. In un villaggio di Linzhi molte persone vendono abbigliamenti etnici ma non guadagnano molto. Li ho aiutati ad aprire negozi su Taobao e molto spesso alcuni di loro mi dicono di aver venduto diversi capi, il che mi ha reso contenta."

Il giovane Laluo, proveniente da Naqu, che sta lavorando nella società Ayun E-commerce, ha osservato che la gente è ormai abituata a fare shopping su Taobao e pagare con WeChat, ma che tuttavia lui si trova ancora nella fase iniziale del riuscire a guadagnare tramite l'e-commerce. Attualmente, sta gestendo anche lui un negozio su Taobao.

"Vendo la carne secca dell'area di Naqu e d'estate vendo Cordyceps sinensis, un tipo di fungo, concentrando le merci in tutto il villaggio. Gli introiti sono buoni e ogni mese posso guadagnare almeno 5-6 mila yuan."

Negli ultimi 2 anni, le condizioni di logistica del Tibet sono gradualmente migliorate. Fang Qihao ha illustrato che la rete delle imprese di logistica sta diventando sempre più vasta.

"In precedenza in ogni distretto in cui ero stato non c'erano le società di spedizione Shentong, Yuantong, Zhongtong, Baishihuitong e Yunda, e si poteva trovare solo il servizio di spedizione postale. Attualmente invece tranne che nelle aree remote, in ogni distretto ci sono punti di servizio delle suddette società."

Il presidente del consiglio dell'Ayun E-commerce Wang Jucang è soddisfatto della scelta fatta 4 anni fa e é fiducioso delle grandi potenzialità di sviluppo dell'e-commerce in Tibet.

"Nella provincia dell'Henan dove sono nato ci sono 5 mila società di e-commerce. Secondo le statistiche fino al 31 dicembre del 2016, in Tibet ce ne erano 131 e fino a giugno scorso circa 200. Tutti sanno che i prodotti tibetani sono puri e hanno bisogno soltanto di pubblicità, divulgazione e gestione buone. Io sono fiducioso dello sviluppo dell'e-commerce in Tibet."

Durante il 13° piano quinquennale, l'e-commerce diventerà un importante modo di circolazione delle merci e servizi sociali del Tibet. Grazie a Internet e alla soluzione del problema dell'ultimo chilometro, le imprese e cittadini tibetani non dovranno aspettare molto per realizzare l'aumento degli introiti e l'arricchimento comune.

@@@@

Focus
Social Media

Riviste
Eventi
© China Radio International.CRI. All Rights Reserved.
16A Shijingshan Road, Beijing, China. 100040