Venezia: la 71° Mostra Internazionale di Arte Cinematografica
  2014-09-30 20:32:05  cri
Il 27 agosto, a Venezia, si è aperta la 71ma edizione della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica, il Festival del cinema più antico del mondo.@@@

(Reg.1)

Il Festival è iniziato con il film "Birdman", del regista messicano Alejandro González Iñárritu. In questa edizione la presenza cinese non manca, con il regista Wang Xiaoshuai, in corsa per il Leone d'oro con il suo nuovo film "Red Amnesia", e con altri film come "Dearest" e "The Golden Era", in anteprima mondiale a Venezia.

      

Quest'anno, la mostra è entrata nel suo settantesimo anno di età, e negli ultimi anni la sua importanza e influenza sono spesso state argomento di discussione da parte del pubblico. In merito alla questione, il presidente della mostra, Alberto Barbera, ha così commentato:

(Reg.2)

"il problema è che la situazione internazionale è cambiata completamente negli ultimi anni. La rivoluzione digitale è iniziata una quindicina di anni fa, e ha trasformato non soltanto il modo di produrre i film, ma soprattutto di distribuire i film e di fare quello che si chiama il marketing dei film. È cambiato il mercato quindi, ovviamente il riferimento principale è per i festival. Dobbiamo prendere atto del fatto che, soprattutto per le grandi società di produzione - non soltanto gli studios, ma le grandi società di produzione internazionali - i festival non sono più la prima opzione a cui si pensa quando si decide di fare la produzione di un film, e questo non vale solo per Venezia, ma per tutti i festival del mondo."

Secondo Barbera, l'attuale industria di cinema si trova in una fase di transizione e il mercato sta vivendo un periodo di grandi cambiamenti. Oggi, sempre meno spettatori vanno al cinema per guardare i film, anche se la cifra totale dei consumatori di prodotti cinematografici non è calata perché il pubblico dispone di altre piattaforme da scegliere.

(Reg.3)

"Internet, che sicuramente sarà il futuro della distribuzione del film V non nel senso che sostituirà le sale V ma che coesisterà al fianco del sistema tradizionale delle sale cinematografiche, non è ancora pronto. Ci arriveremo presto, ma è un ritardo, un gap, che crea una difficoltà, per cui l'industria in questo momento sta soffrendo di questa transizione, e questo spiega anche perché stanno cambiando le riflessioni intorno al modo di promuovere un film, di fare il marketing di un film, o alle decisioni di partecipare o no ad un festival."

Sebbene dal punto di vista dei media internazionali la mostra cinematografica di Venezia di quest'anno - che ha registrato la presenza di 1786 giornalisti italiani e 1226 giornalisti stranieri - abbia suscitato grande interesse, è importante notare che la giuria di questa edizione comprende attori, registi, stilisti, autori e altri esperti provenienti da diversi settori. Questo fatto corrisponde ad una tendenza secondo la quale la giuria è stata composta da persone non provenienti direttamente dall'industria del cinema. Su questo fatto, il presidente della giuria del concorso principale, il compositore francese di colonne sonore cinematografiche, Alexandre Desplat - che ha composto le sue musiche per Lussuria - Seduzione e tradimento, diretto da Ang Lee V si è pronunciato così:

(Reg.4)

"Sono sorpreso del fatto che prima di questa edizione, nessun compositore fosse stato invitato ad occupare questo posto, e mi auguro che in futuro ce ne siano altri che potranno svolgere questo lavoro. Durante la mostra cinematografica, guarderò i film insieme agli altri giudici, condivideremo i nostri sentimenti, e spero che alla fine potremo scoprire insieme un nuovo mondo, nuovi temi e nuovi aspetti dei film. La cosa sorprendente del cinema è proprio la possibilità di trovare nuove storie da diversi punti di vista."

Tra la giuria per il concorso principale è stata presente un'attrice e regista di origine cinese, Chen Chong, mentre la famosa regista Xu Anhua è stata la presidente della giuria della sezione "Orizzonti". Durante la conferenza stampa tenuta il giorno stesso, Xu Anhua ha espresso parole di ringraziamento per il sostegno della mostra cinematografica di Venezia nei confronti dei film cinesi.

(Reg.5)

"I film cinesi guadagnano al botteghino e gli spettatori sono tanti, tuttavia c'è ancora molto lavoro da fare. La mostra cinematografica di Venezia ha sempre offerto un grande sostegno ai nostri film, ed è una cosa che apprezzo tantissimo. "

Sappiamo che negli ultimi sei anni nessun'opera cinese ha ottenuto il Leone d'Oro, ma questa volta, il regista Wang Xiaoshuai è entrato in corsa per il premio con il suo nuovo film Red Amnesia.

(Reg.6)

Deng è una vedova in pensione dal carattere caparbio. Dedica le sue giornate a prendersi cura della madre anziana e dei due figli, ormai grandi, noncurante degli sforzi che tutti fanno per alleggerirla dalle fatiche quotidiane. Questa routine inizia a vacillare quando Deng comincia a ricevere strane telefonate anonime, che si trasformano in un vero e proprio fenomeno di stalking. Cosa sta succedendo? Chi potrebbe avere qualcosa contro di lei, e perché?

In Red Amnesia si vede lo stile coerente della regia Wang Xiaoshuai, che è quello di "raccontare una storia più grande, basandosi su figure comuni". Red Amnesia è la storia di una vedova pensionata che vede cambiare improvvisamente la propria vita...

Il 28 agosto, il nuovo film del regista cinese Chen Kexin, Dearest, è stato proiettato in anteprima mondiale alla mostra cinematografica di Venezia. Questo film è stato adattato da una storia reale che racconta una commovente e faticosa avventura alla ricerca di un figlio, un tema che supera ogni differenza di lingua, di etnia, di cultura e nazionalità, e tocca il cuore di molti spettatori cinesi e stranieri.

Il giorno stesso, durante la conferenza stampa, il regista Chen Kexin ha affermato di aver tratto ispirazione per girare questo film dalla sua esperienza con i documentari che parlano di questo tema.

(Reg.7)

"Circa due anni fa ho visto un documentario su questo argomento, e sono stato profondamente colpito dalla storia, dall'intreccio e dai personaggi. Nonostante nei miei film precedenti io non abbia mai toccato temi sociali, dopo avere guardato questo documentario - in cui si parla di molti problemi della società cinese contemporanea - sono stato fermamente determinato a prendere questa storia per farne un film".

Il regista Chen Kexin ha spiegato che la vita costituisce la migliore sceneggiatura, e che il percorso complesso e le diverse connessioni in una storia non possono essere basate sul nulla.

(Reg.8)

"La sfida enorme che ho dovuto affrontare è stata la svolta evidente tra la prima e la seconda metà del film. Nella prima parte, i genitori cercano il loro figlio naturale e nella seconda parte, quando lo ritrovano nelle campagne, la madre adottiva viene considerata come una criminale, e da qui vengono individuate altre storie. In effetti, il ragazzo ha costruito un legame molto stretto con la madre adottiva. Possiamo dire che è stata una scena difficile da girare, per cui ho riguardato il documentario e ho fatto visita alle persone coinvolte in questo caso."

Secondo quanto appreso, questo film sarà proiettato il 26 settembre in Cina, e il regista spera sinceramente che Dearest possa commuovere il pubblico.

Il 29 agosto, il Leone d'oro alla carriera di questa edizione della mostra è stato assegnato al regista statunitense Frederick Wiseman. Si tratta della prima volta che la giuria di Venezia ha assegnato questo premio ad un regista di documentari. Il presidente della mostra, Alberto Barbera, nel suo discorso di auguri, ha definito Frederick Wiseman come "un grande regista indipendente" . 

(Reg.9)

"Uno dei contributi forse più importanti, insieme a tanti, che Fred Wiseman ha offerto alla definizione e alla ridefinizione del cinema moderno, risiede anche nel fatto che ci invita a riconsiderare la posizione del cinema documentario nell'interno della storia del cinema. Non il figlio di un dio minore; in realtà, quello che ci insegna Wiseman è che questa contrapposizione è parziale, artificiosa, perché tutte la sua opera è lì a dimostrare che nel cinema documentario c'è altrettanta creatività di quanto non ce ne sia per esempio nel cinema narrativo. Gli oltre 40 film realizzati nel corso di una lunghissima carriera, e di una filmografia assolutamente straordinaria ed eccezionale, compongono insieme una sorta di affresco ininterrotto sulla condizione umana, che ha suggerito a tanti critici di accostare la sua opera quella di grandissimi scrittori come Dickens, Kafka, Flaubert e Balzac, ed è per questo abbiamo deciso quest'anno di onorarlo con un Leone d'oro alla carriera"

Nel discorso di ringraziamento, Frederick Wiseman ha dichiarato di sentirsi onorato di aver ricevuto questo premio, che rappresenta il momento importante che sta vivendo la documentaristica, poiché ciò significa che il documentario è stato elevato allo stesso livello di altre tipologie di film. Wiseman si concentra in modo specifico nel settore del documentario, raramente alle altre categorie cinematografiche, e parlando delle differenze tra questi due "generi", ha detto queste parole:

(Reg.10)

"Sono tutti film. In passato, alcuni hanno girato dei documentari, usati come un buon metodo per innalzare il livello di tecnica cinematografica descrivendo temi a sfondo sociale. Non credo ci siano prove che mostrino che i documentari non possono essere interessanti come gli altri generi cinematografici, e io cerco sempre di girare i miei documentari con la struttura di un film. Di solito costituisco un modello basandomi su un racconto, e i miei lavori sono una selezione di materiali di centinaia di ore, raccolti per fare un film."

 

 Forum  Stampa  Email  Suggerisci
Messaggi
Dossier
• Concorso a premi sul tema "Amo studiare la lingua cinese"
Cari amici, con il continuo crescere della febbre per lo studio della lingua cinese, ora nel mondo coloro che tramite vari canali studiano la nostra lingua superano ormai i 40 milioni, ivi compresi molti italiani. La sezione italiana di RCI sta esplorando nuovi canali per aiutarvi ad apprendere e migliorare il vostro cinese in modo più facile e comodo...
Angolo dei corrispondenti
Foto
Eventi
• 60 anni della Nuova Cina
• Primo convegno letterario italo-cinese
• Amo il cinese
© China Radio International.CRI. All Rights Reserved.
16A Shijingshan Road, Beijing, China. 100040