L¡¦epopea mongola Jiangge¡¦er
¡@

      
Jiangge¡¦er, protagonista dell¡¦epopea mongola omonima, diventò orfano all¡¦età di due anni, un anno dopo si arruolò e a sette era ormai un eroe noto a tutti.

L¡¦epopea di Jiangge¡¦er è ambientata nel periodo fra il 15° secolo e la prima metà del 17° nella zona mongola di Weilat. Weilat, che letteralmente significa ¡§tribù delle foreste¡¨, era il nome di una tribù mongola che risiedeva nell¡¦attuale area dei monti Altai, nel Xinjiang Uygur, Cina nord-occidentale.

Nell¡¦epopea, quando il protagonista Jiangge¡¦er ha solo due anni, il feroce Mangus ne occupa la casa e ne uccide i genitori, per cui il piccolo diventa orfano. Per vendicarsi, un anno dopo, a tre anni, questi inizia la sua vita di soldato in compagnia del suo mitico cavallo Arencan. A sette viene eletto Khan della zona di Baomuba. Tuttavia il feroce Mangus non si rassegna alla sconfitta e continua ad attaccare lo Stato di Baomuba. Alla guida di 35 valorosi generali e di 8000 guerrieri, Jiangge¡¦er riesce a proteggere Baomuba, diventando noto fra i 44 Stati. Dopo ardue guerre, con la sua straordinaria capacità Jiangge¡¦er crea un ¡§paese ideale¡¨, con una popolazione che non invecchia mai, mantenendosi sempre sui 25 anni.

Secondo l¡¦epopea: a Baomuba ¡§non ci sono nè inverno nè freddo, ma è  sereno in tutte le stagioni; non ci sono nè sofferenza nè morte, in quanto tutti sono giovani in eterno; non ci sono difficoltà e povertà, ma solo ricchezza e prosperità; non ci sono orfani e vedove, ma solo rinnovamento e sviluppo; non ci sono caos e panico, ma solo felicità e salute; ci sono animali pregiati sui monti e buoi, capre, cavalli e cammelli nella steppa; tira un vento prospero mentre una pioggia sottile inumidisce la terra.¡¨

Come un¡¦epopea eroica, ¡§Jiangge¡¦er¡¨ presenta evidenti risultati nella creazione dei personaggi. Ad esempio, quanto al protagonista Jiangge¡¦er, l¡¦opera descrive ripetutamente la sua dolorosa infanzia  e le sue ardue esperienze di guerra, tratteggiando un eroe intelligente, sagace, dignitoso e valido, amato dai subordinati, che continua a lottare per la causa di Baomuba; per quanto riguarda il grande eroe Hongguer, l¡¦epopea afferma con emozione che concentra i ¡§99 pregi dei mongoli¡¨, esprimendo tutte le eccezionali caratteristiche dei guerrieri della prateria, ossia una grande onestà verso il popolo e un forte odio verso i nemici, è intrepido come un¡¦aquila e per Baomuba può dare addirittura la vita, esprimendo il tipico carattere dei mongoli, forte, coraggioso e resistente a tutte le fatiche e sofferenze.

Quanto all¡¦ambiente, l¡¦epopea descrive con emozione  i maestosi paesaggi  dei Monti Altai e con forti colori etnici il quadro di vita dell¡¦antica tribù Weilat. Come in tutte le epopee, il carattere etnico dello ¡§Jiangge¡¦er¡¨ si esprime anche nell¡¦utilizzo del linguaggio. L¡¦opera  utilizza ampiamente la stupenda lingua parlata di Weilat, introducendovi canti popolari, formule augurali, elogi, proverbi e metafore.

Jiangge¡¦er rappresenta una delle gemme della letteratura classica mongola, esercitando una forte influenza sulla letteratura dei secoli successivi. Attualmente l¡¦epopea costituisce anche uno dei principali progetti di tutela culturale dal governo cinese.